Progetto Storia del '900. Dibattito

(27.02.01)


Un appello per il curricolo di Storia

 Signor ministro,

siamo sinceramente preoccupati dall'evolversi del dibattito intorno ai nuovi curricoli di storia, perchÚ molti interventi non vanno al di lÓ di mere enunciazioni di principio, tutte condivisibili, a sostegno della necessitÓ di una adeguata presenza della storia nei curricoli scolastici, senza misurarsi con una lettura attenta delle proposte della Commissione. E’ invece il momento di una seria riflessione priva di posizioni pregiudiziali in una fase in cui si discute di questioni cosý delicate, quali quelle della formazione culturale dei cittadini italiani.

Siamo convinti che il mondo della scuola debba trovare nuovi strumenti di insegnamento efficaci e adeguati all'evolversi della societÓ italiana e che questo obiettivo richieda l'intreccio e il confronto tra varie competenze del mondo della scuola, della universitÓ e della cultura.

Riconosciamo che occorre anzitutto confrontarsi serenamente e nel merito con le proposte che la Commissione da Lei istituita ha avanzato allo scopo di proporre un curricolo che garantisca a tutti i futuri cittadini italiani, anche a quelli che non proseguiranno gli studi dopo la fine dell'obbligo, una formazione storica in grado di dare gli strumenti fondamentali per capire la realtÓ storica passata e presente e di formare una coscienza della cittadinanza aperta alla dimensione mondiale, e al tempo stesso attenta alle diverse dimensioni dell'identitÓ: individuale, italiana ed europea.

Riteniamo che le proposte avanzate dalla Commissione ministeriale debbano essere discusse e approfondite, con insegnanti e studiosi, certi che il curricolo di storia risponda alle caratteristiche epistemologiche disciplinari, si svolga regolarmente secondo una scansione cronologica e sia pienamente adeguato alle esigenze formative delle diverse classi di etÓ, grazie alla sua progressione metodologica: formazione della categorie storiografiche fondamentali e del senso del tempo, nei primi anni di studio; conoscenza approfondita della storia generale, nella sua parte centrale; e, nella sua parte finale, sviluppo dell'approccio critico alla disciplina.

Siamo convinti che le proposte finora discusse dalla Commissione possano essere un punto di partenza per la definizione di un curricolo siffatto, capace di rispondere alle esigenze attuali della societÓ italiana; apprezziamo il fatto che il curricolo proposto dalla Commissione sia sottoponibile a sperimentazione triennale, un tempo adeguato per valutarne l'efficacia. Riteniamo, infine, che occorra un sincero impegno per la riforma di un sistema scolastico, che non pu˛ essere ancorato a pratiche e modelli di insegnamento anteriori addirittura ai programmi del 1985 e del 1979.

Hanno firmato l'appello (elenco aggiornato alle ore 14 del 27 febbraio)

  1. Angelo Massafra, (ord. storia moderna Bari)
  2. Alberto De Bernardi, ordinario storia contemporanea (Bologna)
  3. Antonello Biagini (prof. ordinario di storia dell’Europa orientale,
    direttore del Dipartimento di Storia moderna e contemporanea, UniversitÓ la Sapienza, Roma)
  4. Biagio Salvemini, ord. storia moderna
  5. Gaetano Quagliariello, ordinario
  6. Franco Magistrale (ordinario paleografia e diplomatica, Bari)
  7. Marcello Verga, (ordinario storia moderna)
  8. B. Pellegrino ordinario Storia moderna (Direttore del Dipartimento di Studi storici: Lecce)
  9. Giuseppe Barone (ordinario storia contemporanea , Catania)
  10. Roberto Martucci (ordinario storia delle istituzioni politiche, Macerata)
  11. Massimo Montanari (ordinario di storia medievale, Bologna)
  12. Antonio Brusa (didattica della storia, Bari)
  13. Lucia Strappini (prof. associato, UniversitÓ per stranieri, Siena)
  14. Lutz Klinkhammer (Istituto storico germanico, Roma) 
  15. Giovanna Motta (prof. associato)
  16. S. Lupo, ord. storia contemporanea (Palermo)
  17. Ivo Mattozzi (professore associato di Metodologia e didattica della storia, Bologna)
  18. Gaetano Greco
    (professore associato di Storia Moderna, Siena, Coordinatore della Sede di Siena della SSIS della Toscana)
  19. R. Mangiameli, associato storia contemporanea
  20. A. Salza, capo progetto Turkana, univ. Pavia/ musei Kenia
  21. Brunello Mantelli (UniversitÓ di Torino)
  22. P. Cordasco, (prof. associato paleografia e diplomatica, Bari)
  23. A. Spagnoletti, associato storia moderna (Bari)
  24. Saverio Russo, associato storia moderna (Bari)
  25. E. Persichella associato sociologia dell'educazione (Bari)
  26. A. Cecchini, associato di. analisi sistemi urbani (Bari)
  27. Franco Porsia, associato storia medioevale (Bari)
  28. R. Licinio, associato storia medioevale
  29. Poli, ricercatore, storia moderna
  30. E. Papagna, ric. storia moderna
  31. M. Cannataro, ric. Paleografia Latina
  32. A. Carrino, ric. Storia moderna
  33. G. Poli, ric. Storia economica e sociale dell'etÓ moderna
  34. C. Gattagrisi ricercatore paleografia latina
  35. A. Ferraresi, ric. storia moderna
  36. Marco Aime, ricercatore etnologia
  37. F. Pirro, associato di storia dell'industria
  38. I. D. Mortellaro, ric. storia delle istituzioni internazionali
  39. Carlo Bordini, ricercatore di, storia moderna
  40. Carlo Spagnolo (ricercatore Istituto Universitario Europeo, Firenze)
  41. Stefano Musso (UniversitÓ di Torino)
  42. Maria Rosaria Stabili (docente di storia dell’America Latina)
  43. Laurana Lajolo (Presidente Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia)
  44. Aurora Del Monaco (Presidente Laboratorio Nazionale di Didattica della Storia, Bologna)
  45. Guido d’Agostino, ordinario storia contemporanea (Napoli)
  46. Franco Cardini, ordinario storia medievale (Firenze)
  47. Francesco Remotti, ordinario antropologia (Torino)
  48. Luisa Faldini, associato etnologia (Genova)
  49. Antonio Guerci, ordinario antropologia (Genova)

E inoltre le Associazioni

Cres (Centro Ricerca Educazione allo Sviluppo, Milano)
Associazione Clio ’92


torna indietro