LE GRANDI CIVILTA'ANTICHE

Nelle civiltÓ antiche gli uomini continuarono a utilizzare le fonti di energia conosciute dall'uomo primitivo. L'energia del sole l'energia del fuoco e l'energia muscolare di uomini e animali.

Essi impiegarono in modo particolare l'energia muscolare di animali e di uomini riuscendo a realizzare opere imponenti ,che hanno resistito fino ai giorni nostri come piramidi, templi, palazzi, teatri, acquedotti.

piramide.JPG (48977 byte)

Insieme a queste fonti di energia l'uomo impar˛ a usare  un'altra energia: il vento.
L'energia del vento venne sfruttata dagli uomini sul mare con l'invenzione della vela per navigare.
Probabilmente furono i  Sumeri i primi a costruire ed usare barche a vela. Queste imbarcazioni avevano un solo albero al centro che sorreggeva una grande vela rettangolare.

Per migliaia di anni i marinai navigarono con questa semplice vela: la si poteva per˛ utilizzare solo quando il vento soffiava nella direzione voluta , in caso di bonaccia o di cambiamento di direzione del vento si procedeva a forza di remi.

vascello.JPG (37775 byte)

In un secondo tempo l'energia del vento venne utilizza anche per muovere semplici macchinari come le macine dei mulini o le pompe per sollevare acqua.

I primi mulini a vento furono  costruiti dai Persiani: nel nord  est dell'Iran ci sono aride pianure dove forti venti soffiano sempre nella medesima direzione, a volte per mesi interi. In queste regioni i Persiani costruirono, attorno all'800 d .C, mulini a vento in serie. In Europa i mulini a vento si diffusero a partire dal 12 secolo d.C (1100) e furono molto diversi da quelli persiani.

mulini1.JPG (15626 byte)

MULINO PERSIANO

mul_v.JPG (22796 byte)

MULINO EUROPEO

Un grosso problema per le prime grandi civiltÓ fu l'irrigazione dei campi, soprattutto  nei paesi aridi in quanto attingere e trasportare l'acqua richiedeva un grande dispendio di energia . Per sollevare l'acqua quindi furono inventati vari congegni a forma di ruota, mossi per lo pi¨ dall'energia muscolare e dall'energia del vento.

r_pl.JPG (19094 byte)

r_pl1.JPG (22671 byte)

Uno di questi congegni era costituito da una grande ruota al cui bordo erano fissati numerosi secchi o tazze. La ruota  veniva   parzialmente  immersa nelle acque del fiume e girava spinta dalla forza della corrente.
L'uomo impar˛ cosi ha sfruttare l'energia idrica.

A cura della classe V di Samone

indietro.gif (193 byte)